Scopri l'associazione

L’Associazione Mine Vaganti è stata fondata da Silvia Masotti (attrice laureata in lettere e arte terapeuta in formazione), Elisa Mazzi (psicoterapeuta) e Camilla Zorzi (attrice laureata in lettere e danza movimento terapeuta). Mettendo assieme gli strumenti del teatro, dell’espressione corporea, dell’arte e dell’indagine psicologica, proponiamo laboratori artistici e teatrali che attivano uno spazio di gioco, di relazione, di cura e di crescita dell’essere umano.

I laboratori sono pensati come spazio culturale e formativo per bambini e ragazzi. Parallelamente, il nostro lavoro è finalizzato anche a percorsi terapeutici e formativi per adulti, in particolare legati alle pratiche di training autogeno e alla formazione di insegnanti ed educatori. Inoltre, organizziamo eventi culturali destinati ad un pubblico più eterogeneo su temi che ci stanno a cuore.

Pensiamo che gli strumenti artistici possano essere una grande risorsa al di là della performance; pensiamo che la ricerca sulla psiche non sia legata solo al disagio individuale, ma che possa essere un’occasione di conoscenza di sé e del mondo. Il punto di intersezione tra questi due vettori è lo spazio culturale e sociale che vogliamo creare, perché la Cultura è alla base di ogni Società, e una Società non può esistere senza uno spazio in cui dare corpo e voce alla complessità di ogni essere umano.

Desideriamo occuparci del futuro culturale e sociale di un paese che sembra avere esaurito le sue risorse in questi ambiti. La nostra esperienza individuale e condivisa e le nostre diverse professionalità ci permettono di garantire una proposta culturale varia e qualitativamente alta, che si propone come riferimento per un lavoro sul sociale professionalmente mirato.

Collaborano con noi professionisti e volontari con una formazione artistica o sui temi della cura e dell’educazione.

IL NOSTRO NOME: MINE VAGANTI
Perché accendere intersezioni tra competenze differenti crea una nuova energia. Perché dove c’è un incontro c’è movimento, dove c’è movimento c’è slancio per il futuro e dove c’è un futuro c’è la possibilità di immaginare se stessi. Perché ci muoviamo sul territorio e attraverso la differenza, immaginando sempre strade nuove!

L’Associazione Mine Vaganti è stata fondata da Silvia Masotti (attrice laureata in lettere e arte terapeuta in formazione), Elisa Mazzi (psicoterapeuta) e Camilla Zorzi (attrice laureata in lettere e danza movimento terapeuta). Dal 2011 proponiamo laboratori artistici e culturali che, mettendo assieme gli strumenti del teatro, dell’espressione corporea, dell’arte e della letteratura attivano uno spazio di gioco, di relazione, di cura e di crescita dell’essere umano.

 

Camilla Zorzi

Silvia Masotti

Elisa Mazzi

Caterina Guardini

Non è stato inserito nessun collaboratore

ASSOCIAZIONE MINE VAGANTI
Laboratori artistici di formazione, teatro e cura Statuto dell’Associazione non Riconosciuta

Art.1 – Costituzione
E’ costituita un’associazione apartitica, apolitica, laica, senza scopo di lucro, non riconosciuta denominata: “MINE VAGANTI”, detta per brevità nel prosieguo del presente Statuto semplicemente “Associazione”. L’Associazione: svolge soltanto le attività indicate nel successivo articolo e quelle ad esse direttamente connesse; non distribuisce, anche in modo indiretto, utili e avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la sua esistenza, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre Associazioni non lucrative che, per legge, statuto e regolamento, facciano parte di una medesima ed unitaria struttura; impiega gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad essere direttamente connesse; In caso di scioglimento per qualunque causa, devolverà il patrimonio ad altre associazioni non lucrative od a fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Art. 2 – Scopo e attività
1. L’Associazione “Mine Vaganti” persegue lo sviluppo sociale, culturale, formativo e artistico dell’essere umano, anche laddove un disagio fisico, psichico, o l’emarginazione sociale lo precludano. Gli scopi dell’Associazione sono: diffondere la cultura teatrale, letteraria e artistica nel mondo giovanile e non; ampliare la conoscenza della cultura teatrale, letteraria ed artistica in genere, attraverso contatti fra persone, enti ed associazioni; allargare gli orizzonti didattici di educatori, insegnanti ed operatori sociali, in campo teatrale, artistico e psicologico; proporsi come luogo di incontro e di aggregazione nel nome di interessi culturali assolvendo alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile, attraverso l’ideale dell’educazione permanente; porsi come punto di riferimento per quanti, svantaggiati, o portatori di qualunque disagio fisico, psichico o sociale, possano trovare, nelle varie sfaccettature ed espressioni del teatro, della letteratura, della danza, dell’arte e della psicologia, un sollievo al proprio disagio. 2. A tale fine essa potrà svolgere, anche a vantaggio di non soci detti poi “Partecipanti”, tutte le attività utili al raggiungimento dello scopo associativo, come quelle di seguito elencate a titolo esemplificativo: attività culturali: laboratori teatrali, narrativi, artistici, per bambini e ragazzi a partire dai 3 anni e per giovani e adulti, conferenze, dibattiti, seminari, spettacoli, proiezione di film, lezioni aperte; attività di formazione: corsi di aggiornamento teorico/pratici e supervisioni per educatori, insegnanti, operatori sociali, psicologi, corsi di perfezionamento, istituzione di gruppi di studio e di ricerca; attività terapeutica di gruppo: laboratori di DanzaMovimentoTerapia, ArteTerapia, gruppi di parola e narrazione; attività terapeutica individuale: diagnosi e valutazione, percorsi di sostegno e di orientamento, consulenze a genitori e insegnanti; attività editoriale: pubblicazione di materiale fotografico, filmico e cartaceo di seminari, nonché degli studi, delle ricerche e delle attività compiute.

Art.3 – Sede
L’Associazione ha sede a Verona, attualmente presso l’abitazione di Elisa Mazzi, in via Tonale 24, 37127, Verona.

Art.4 – Durata
L’associazione ha durata illimitata.

Art.5 – Soci
Sono istituite due categorie di soci: soci ordinari e soci sostenitori. A) Soci ordinari. 1. Possono essere soci ordinari tutti coloro che condividendone gli scopi intendano impegnarsi per la loro realizzazione. L’associazione esclude la temporaneità della partecipazione alla vita associativa. Il mantenimento della qualifica di socio è subordinato al pagamento della quota associativa annuale nei termini prescritti dall’assemblea. La quota associativa è intrasmissibile. 2. L’ammissione all’associazione di nuovi soci ordinari è subordinata al consenso di due terzi dei soci ordinari già associati. 3. I soci ordinari cessano di appartenere all’associazione: per dimissioni volontarie contenute in una dichiarazione indirizzata al presidente; per radiazione deliberata dalla totalità dei soci pronunciata contro il socio che: commette azioni disonorevoli entro e fuori l’associazione; abbia mancato ai doveri sociali; abbia danneggiato in qualunque modo l’interesse morale e materiale oppure il prestigio e il buon nome dell’associazione; che non sia più in grado di concorrere al raggiungimento degli scopi sociali oppure che ha perduto i requisiti di ammissione; che non osservi le disposizioni contenute nel presente statuto; che senza giustificati motivi non adempia puntualmente agli obblighi assunti a qualsiasi titolo verso l’associazione. 4. L’esclusione ha effetto dal trentesimo giorno successivo alla notifica del provvedimento di esclusione, il quale deve contenere le motivazioni per le quali l’esclusione sia stata deliberata. B) Soci sostenitori. Possono essere soci sostenitori le persone fisiche o giuridiche (enti associazioni cooperative ecc.) che ne facciano richiesta dichiarando di condividere gli scopi dell’associazione e di accettarne lo statuto. I soci sostenitori vengono ammessi all’associazione con l’approvazione della maggioranza semplice dei soci ordinari. I soci sostenitori cessano di appartenere all’associazione: per dimissioni volontarie contenute in una dichiarazione indirizzata al presidente; per radiazione deliberata dalla totalità dei soci pronunciata contro il socio che: commette azioni disonorevoli entro e fuori l’associazione; abbia mancato ai doveri sociali; abbia danneggiato in qualunque modo l’interesse morale e materiale oppure il prestigio e il buon nome dell’associazione; che non sia più in grado di concorrere al raggiungimento degli scopi sociali, oppure che ha perduto i requisiti di ammissione; che non osservi le disposizioni contenute nel presente statuto; che senza giustificati motivi non adempia puntualmente agli obblighi assunti a qualunque titolo verso l’associazione.

Art.6 – Diritti e obblighi dei soci ordinari
Tutti i soci maggiorenni hanno il diritto di partecipare alle assemblee, di votare direttamente o per delega, e di partecipare a tutte le attività dell’Associazione, con le modalità di volta in volta stabilite, su un piano di parità sostanziale con tutti gli altri soci. I soci possono recedere in qualsiasi momento dall’appartenenza all’Associazione. I soci sono tenuti a versare una quota annuale sulla base di quanto stabilita dall’Assemblea per il funzionamento dell’Associazione. La quota associativa è annuale, non è frazionabile né ripetibile in caso di recesso o di perdita della qualità di socio. E’ modificabile solo con delibera dell’Assemblea. I soci non in regola con il pagamento delle quote sociali non possono partecipare alle riunioni dell’Assemblea, né prendere parte alle attività dell’Associazione, non sono elettori e non possono essere eletti alle cariche sociali, e se eletti decadono.

Art.7 – Diritti e obblighi dei soci sostenitori.
I soci sostenitori maggiorenni hanno il diritto di partecipare alle assemblee, di votare direttamente o per delega, e di partecipare a tutte le attività dell’Associazione, con le modalità di volta in volta stabilite, su un piano di parità sostanziale con tutti gli altri soci. I soci sostenitori contribuiscono ala vita dell’associazione con contributi in denaro o in attività decisi in accordo con l’assemblea.

Art.8 – Organi sociali
Sono organi dell’Associazione: il Presidente; il Vicepresidente; il Tesoriere.

Art. 9 – Assemblea
L’Assemblea è costituita da tutti i soci ordinari. Essa si riunisce, in via ordinaria, una volta all’anno e, in via straordinaria, ogni qualvolta il/la Presidente lo ritenga necessario. L’Assemblea viene convocata dal/dalla Presidente, con predisposizione dell’ordine del giorno indicante gli argomenti da trattare, almeno 15 (quindici) giorni prima della data fissata, con comunicazione scritta (lettera espresso o raccomandata, fax, e-mail). La convocazione può avvenire anche su richiesta di almeno un terzo dei soci; in tal caso il/la Presidente deve provvedere, con le modalità di cui al comma 3, alla convocazione entro 15 (quindici) giorni dal ricevimento della richiesta e l’Assemblea deve essere tenuta entro trenta giorni dalla convocazione. In prima convocazione l’Assemblea è regolarmente costituita con la presenza della metà più uno dei soci e delle socie presenti in proprio o per delega da conferirsi ad altro socio/a. In seconda convocazione è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci presenti, in proprio o per delega. In mancanza di convocazione scritta è validamente costituita l’Assemblea se è presente la totalità dei soci. In questo caso ogni socio può opporsi alla trattazione di qualsiasi argomento sul quale ritenga di non essere sufficientemente informato. Ciascun socio o socia non può essere portatore di più di due deleghe. Le deliberazioni dell’Assemblea sono adottate a maggioranza semplice dei presenti. L’Assemblea ha i seguenti poteri: eleggere e revocare il Presidente che deve comunque essere scelto tra i soci; stabilire le linee programmatiche delle attività dell’Associazione; approvare il bilancio consuntivo; approvare o respingere le richieste di modifica dello Statuto di cui al successivo articolo 16; stabilire e modificare l’ammontare delle quote associative;

Art. 10 – Presidente
Il Presidente, che è anche Presidente dell’Assemblea, è eletto/a da quest’ultima con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei soci. L’incarico di Presidente dura cinque anni ed è rinnovabile. Il/la Presidente amministra e dirige tutta l’attività dell’Associazione e la rappresenta legalmente nei confronti di terzi e in giudizio. Il Presidente convoca e presiede le riunioni dell’Assemblea. Il Presidente, con il criterio di una ragionevole rotazione, nomina e revoca un Vicepresidente scelto sempre tra i soci. In caso di assenza o di impossibilità le funzioni del Presidente sono svolte dal Vicepresidente.

Art. 11 – Tesoriere
L’incarico del Tesoriere dura cinque anni ed è rinnovabile. Il Tesoriere predispone lo schema del bilancio consuntivo che presenta all’Assemblea entro il mese di Marzo. Provvede alla tenuta dei registri e della contabilità dell’Associazione, nonché alla conservazione della documentazione relativa. Provvede alla riscossione delle entrate e al pagamento delle spese in conformità alle decisioni dell’Assemblea. Può delegare alcune delle proprie funzioni al Vicepresidente.

Art. 12 – Risorse economiche
L’Associazione trae le risorse economiche per il funzionamento e lo svolgimento della propria attività da: quote associative e eventuali contributi dei soci; contributi degli Utenti; contributi dei privati; contributi dello Stato, di enti e di istituzioni pubbliche nazionali o internazionali; contributi di organismi internazionali; donazioni e lasciti testamentari; rendite di beni mobili o immobili pervenuti all’Associazione a qualunque titolo; ogni altro tipo di entrate ammesse ai sensi della L.383/2000

Art. 13 – Collaboratori
L’Associazione potrà avvalersi dell’opera di volontari, nonché di collaboratori professionisti e non professionisti anche ricorrendo ai propri associati.

Art. 14 – Bilancio
Entro il 31 Marzo di ogni anno il Presidente presenterà ai soci un rendiconto sull’attività svolta, nonché il bilancio delle entrate e delle uscite. Bilancio e rendiconto saranno sottoposti all’approvazione dell’Assemblea che deciderà a maggioranza di voti. Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni, i contributi e i lasciti ricevuti. Il bilancio deve coincidere con l’anno solare.

Art. 15 – Controversie
Qualsiasi controversia dovesse sorgere tra gli organi dell’Associazione, tra gli organi e i soci oppure tra i soci, deve essere devoluta alla determinazione dell’Assemblea dei soci. Il giudizio dell’Assemblea è insindacabile e deve essere accettato inappellabilmente da tutti i soci. In caso di parità di voti l’Assemblea, con il voto di due terzi degli associati, nominerà un arbitro amichevole compositore che deciderà inappellabilmente.

Art. 16 – Modifiche allo Statuto
Le proposte di modifica allo statuto possono essere presentate all’Assemblea dal Presidente o da almeno tre soci. Le modifiche si intendono approvate se raccolgono il voto favorevole di ameno i due terzi dei soci. La relativa delibera assembleare dovrà risultare da un verbale da sottoporre a registrazione che riproduca integralmente i patti sociali quali risulteranno dopo le modifiche apportate. Non costituirà modificazione del presente statuto il trasferimento della sede dell’Associazione ad altro luogo.

Art. 17 – Norma di rinvio
Per quanto non previsto dal presente statuto, si applicano le vigenti disposizioni legislative in materia.

Art. 18 – Entrata in vigore Il presente statuto ha efficacia da oggi.

Art. 19 – Scioglimento dell’Associazione e devoluzione dei beni.
Lo scioglimento dell’Associazione viene deciso dall’assemblea che si riunisce in forma straordinaria ai sensi dell’Art. 9 del presente statuto.

Elenco dei documenti consultabili: